La gran penna ruvida La gran penna ruvida

Né liscia, né rigata:
una penna così
non l’hai mai assaggiata.

Il sugo, malaccorto, non vede che una penna.
La sottovaluta, ahilui: la pensa comm’a l’ate.
E quella zitta lo richiama, fa ammuina.
Pare innocente, pure accussì grande.
Ma ‘a ruvidezza sua, senti a me,
piglia ‘o sugo e pure a te.

La gran penna ruvidaLa gran penna ruvida

SENTI CHE ISPIRAZIONE

La gran penna ruvidaLa gran penna ruvida

LA POESIA È MIEZ’A VIA